☳ Polpette 116

She is where we were born / She is where we grew up / We love her

questa è ⓟolpette, la vanzletter 

ke tsena libolo tsa nama tsa beke

"ecco le polpette della settimana" è scritto in lingua sesotho, che si parla in Lesotho, un paese enclave (ma non un territorio exclave) del Sudafrica, 

e questo forse lo sapevi, ma l'Eswatini? indizio: te lo ricordi con un altro nome

le polpette di zucchine al forno no-nonsense del Cucchiaio d'Argento.

poi in agosto niente polpette perché fa caldo ed è meglio mangiare cose più leggere.


Refind è l'aggregatore di news da cui prendo la maggior parte dei link di questa newsletter.
prova anche tu Refind e regala al vanz un account pro!


ecco le polpette della settimana:


nel '72 MIT aveva previsto il collasso della civiltà umana entro metà secolo

The system dynamics model identified impending ‘limits to growth’ (LtG) that meant industrial civilization was on track to collapse sometime within the 21st century, due to overexploitation of planetary resources.

ah i magici anni '70, quando si osava ancora sognare in grande, anche gli incubi.


i migliori web design del 2021 

11 esempi di design e interfacce innovative e creative che raggiungono il loro scopo senza mettersi tra l'informazione e il lettore (in qualche caso ho qualche dubbio) secondo Shaping Design


le 20 migliori serie TV del 2021 secondo il Los Angeles Times

ci sono Mare of Easttown, Wandavision, The Underground Railroad e quella tamarrata di Stanley Tucci, ma anche altra roba che personalmente non conoscevo (apri in incognito perché è sotto paywall).


la migliore fantascienza uscita ultimamente secondo il rating collettivo di Goodreads

Ishiguro, Andy Weir, molti altri e soprattutto un sacco di autrici donne: qualcosa sta cambiando sia nell'editoria che nel giornalismo

poi magari capiremo anche perché tutti si son messi a fare le liste best of the year a LUGLIO


ritratti di pastori transilvani di Istvan Kerekes

detta così non suona molto appetitosa, ma le foto sono davvero belle e fanno voglia di andare immediatamente nelle campagne della Transilvania, dove non ho idea come sia messa la situazione Covid, ma quella ospedaliera posso immaginarla.


nel 2030 non possiederemo più niente?

non nel senso che saremo tutti morti o poveri, ma che tutto quello che oggi compriamo lo noleggeremo. è già così con la casa, la musica, il cinema, il software, spesso le automobili, ma secondo questa visione tutto sarà as a service - il che significa anche controllato da altri, e quindi soggetto a ritiro, modifica, aumenti di prezzo al di fuori del nostro controllo.


la stimolazione profonda del cervello per curare patologie

applicare stimoli elettrici a certe parti del cervello aiuta a trattare patologie psichiatriche finora incurabili e aumenta il senso di fiducia in sé dei soggetti trattati. e quindi possiamo prevedere che ci sarà chi propone sta roba a tutti.


la vita di una creatrice di profumi

un pezzo affascinante sul mestiere di chi inventa aromi e profumi per l'industria cosmetica e il food componendo oli, estratti, essenze e molecole sintetiche. dove si scopre anche che il profumo di qualcosa di naturale non ha quasi mai l'origine che pensiamo abbia, anche perché siamo noi i primi a non volere un gusto ciliegia che profumi di ciliegia.


una dissertazione sulla storia del font più diffuso: l'Helvetica

"it's the preferred typeface for graphic designers around the world


la storica, inconfondibile Stahl house di Los Angeles

costruita su un lotto a 40 metri sopra il Sunset Boulevard e progettata come Case study house #22 da Pierre Koenig, è un'icona del modernismo californiano, e vi è stata scattata una delle foto più iconiche della storia dell'architettura, cioè questa 

la Case study house #22 è stata usata come set di diversi film, ma se stai pensando alla villa sul monte Rushmore di Intrigo Internazionale, quella non siste: è per gli interni un set in studio e per gli esterni fatta con effetti speciali (qui un bel pezzo sui set di North by Northwest)


tendenze: le miniforeste urbane

"risposte iperlocali al problema globale del cambiamento climatico": è la pratica di convertire gli spazi vuoti delle città in microforeste per salvaguardare la biodiversità, combattere il riscaldamento a livello locale, fornire spazi di natura per le scuole. sarebbe molto bello se i Comuni cedessero gli spazi inutilizzati a organizzazioni che si dedicassero a questo tipo di recupero.


The Lottery di Shirley Jackson

fu il primo racconto di Jackson pubblicato dal New Yorker e fu subito chiaro che era una cosa mai vista prima.

qui la newsletter del New Yorker che approfondisce la figura di Shirley Jackson, un’autrice che quando la leggi capisci subito da dove viene Stephen King. in Italia è pubblicato da Adelphi.


il nuovo museo astronomico di Shanghai è :-0

qui la gallery sul sito dello studio di architettura (USA) che l'ha progettato


PlaceRaider: furto virtuale di spazi fisici

nel 2012 fu scoperto un malware di origine militare che trasformava lo smartphone in un device di cattura del mondo circostante.

attraverso l'obiettivo e il microfono raccoglieva dati sull'ambiente circostante che poi ricomponeva in una ricostruzione e 3D, cercando di captare info e dati personali sensibili scritti su fogli appesi, password pronunciate a voce, eccetera. 

qui lo studio. non se ne sa più niente ma è prevedibile che oggi esistano software molto più sofisticati di così.


il meme dell'arbitro che chiama le fallacie logiche nelle discussioni sui social

è delizioso.


Masayume a Tokyo sembra uscito da un film distopico

una testa gonfiabile gigante montata su una mongolfiera, che torreggia sulla skyline di Tokyo. una di quelle robe inquietanti (per noi occidentali) e modernissime che sanno fare i giapponesi.


questi sostengono di avere un metodo per pulire perfettamente il fondo delle padelle più sporche e irrecuperabili 

(presente quando sul fondo ci sono 10 anni di grassi bruciati che fanno la patina nera? ecco)

io non ho provato quindi non garantisco, ma loro sì. con sale bicarbonato, aceto, detersivo piatti. paglietta e scottex.

se è una bufala il rimborso chiedilo a TikTok e non a me.


A farewell to Hemnes

Ernest Hemingway racconta di quando fece l'errore di cercare di montare un letto Hemnes di Ikea. da McSweeney's, io l'ho trovato buffissimo (come ogni parodia della scrittura di Hemingway, devo dire). forse un po' boomer.


il prodottino della settimana: i saldi Teva

se ti servono un paio di sandali da escursionismo praticamente indistruttibili, il marchio è Teva (io ne ho un paio da 20 anni che non mostrano un segno di fatica che sia uno) e oggi costano un po' meno del solito (che di solito è parecchio), coi saldi

io ho comprato queste che mi sembravano un po' più elegantine, con l'illusione di portarle in città ma ovviamente non oserò mai girare a piedi esposti per una questione di pudore. occhio che ho preso un numero in meno, e vanno benone.



le Polpette non hanno affiliazioni con Amazon né altri vendor, e non incassano un dollaro bucato dai prodotti e servizi che consigliano. esse inoltre non hanno tempo né interesse di tenere conto di considerazioni etico-politiche sul comportamento dei vendor, trattandosi di giudizi (complessi, come la società in cui viviamo) che si fanno sul piano personale. siamo tutti adulti - e adesso ormai pure vaccinati.


la scrittura di questa newsletter avviene abitualmente in modalità carbon-free, con il 100% di energia rinnovabile e socialmente sostenibile fornita da ènostra.