☳ Polpette 108

Мы, беларусы – мірныя людзі (we, Belarusians, are peaceful people)

questa è ⓟolpette, la vanzletter 

e se non l’hai ancora fatto, ti ci puoi registrare qui


вось катлеты тыдня

"ecco le polpette della settimana" è scritto in bielorusso per i noti fatti recenti: il dirottamento di un volo di linea Ryanair da parte di un governo occidentale autoritario, se non dittatoriale, per arrestare un giornalista dissidente 26enne.

siccome leggere "governo occidentale dittatoriale" ancora nel 2021 non è piacevole, lasciamo perdere e occupiamoci delle polpette bielorusse che, caso piuttosto raro, sono polpette ripiene. 

si possono fare di carne ripiene di uova e funghi, o di patate miste a carne macinata, (prima volta che trovo questa combo nel mio girovagar pel mondo). e chissà quante altre deliziose combinazioni.

qui ritratte con la tipica estetica esteuropea postsovietica.


Raffaella è giornalista e consulente di comunicazione, e anche lettrice delle Polpette, il che rende ancora più gratificante che mi abbia inserito tra le sue interviste a niuslettar3, soprattutto considerando che è pure torinese (quando abiti qui sei pervas3 dal sabaudian pride. io, antinazionalista e anticampanilista e aspirante apolide, faccio di tutto per combatterlo, con risultati altalenanti).


segue la tua razione settimanale di polpette, come da disposizioni della Protezione Civile:
(oggi nel ripieno delle Polpette c'è un sacco di tecnologie innovative-groundbreaking-disruptive):

Ford F150 Lightning: l'inizio della fine del motore termico

se persino il brand più muscoloso del paese più muscoloso del mondo fa la versione full electric del suo modello più muscoloso (quel F150 da sempre simbolo dell'America a benza rurale, repubblicana, antiecologista ad altissime emissioni) vuol dire che l'ultimo chiodo sulla bara delle auto a motore a combustione è stato piantato. d'ora in poi, "termico" (il modo in cui i proprietari di auto elettrica apostrofano chi guida a combustione) è ufficialmente un insulto.

(l'F150 resta sempre gigantesco e assassino, ma questa battaglia è più lunga)


bisogna togliere auto e parcheggi per le auto dalle nostre città

rimuovere il 25% dello spazio dedicato alle automobili in città le renderebbe molto più sicure, migliorerebbe la qualità della vita di tutti e renderebbe i mezzi pubblici più puntuali.

-40/60% di inquinamento, -40% tempi di percorrenza del trasporto pubblico, +100 clienti al giorno e +14% di vendite nei negozi circostanti per ogni posto auto rimosso.

rimuovere parcheggi e spazio dedicato alle automobili migliora la qualità della vita, la sicurezza, i costi sanitari, la ricchezza e il benessere di tutta la società, compresi gli automobilisti.


Philip Morris: smetteremo di vendere sigarette in Giappone

"entro 10 anni", ma probabilmente sarà il mercato ad accorciare la data, nonostante il Giappone, come quasi tutto il Far East, sia un paese dove si fuma ancora molto, più che negli USA e in Europa.


iQ+ Ultrasound è una di quelle invenzioni che cambiano il mondo

i lettori a ultrasuoni da smartphone disponibili sul mercato di massa rivoluzioneranno l'assistenza sanitaria nei paesi in via di sviluppo (certo, questo nello specifico costa duemila euro e ha un modello a canone, quindi probabilmente no, ma arriveranno).


Microsoft ha fatto gli ologrammi tattili

cioè non tattili nel senso che hanno un peso, naturalmente, ma manipolabili grazie a un complesso sistema di tracking delle mani e dello sguardo attraverso sensori dedicati, quindi non aspettartelo sul desktop fra un anno. però a vederlo è figo ed è probabile che sia quello che servirà per superare la tradizionale interfaccia 2D (diciamocelo, obsoleta) del mouse.


scrivere col pensiero, oh yeah

la scrittura col pensiero è una delle due interfacce cervello-macchina che desidero da sempre, insieme alla registrazione del sogni. non per pigrizia (ok: per pigrizia), ma anche perché le idee ti vengono sempre quando non hai accesso a carta e penna. ora Stanford ha dimostrato che forse si può fare.


Google ha finalmente realizzato la vera telepresenza?

anche in questo caso costerà un botto, visto che dipende da connessioni ultraveloci e parecchi chili di tecnologie sofisticate, però forse ci siamo: con Project Starline videochattare è come essere di fronte all'interlocutore (tipo in una situazione da colloquio in carcere, ma è un buon inizio, e dimensioni e costi delle nuove interfacce tipicamente crollano in fretta).


"A Groundbreaking Olfactory Virtual Reality Platform"

Architecture of Scent permette di aggiungere il senso dell'olfatto alla realtà virtuale integrando una periferica olfattiva più un software (e le essenze) a visori tradizionali come Vive e Oculus

“groundbreaking” non lo so: è probabilmente una tecnologia ancora agli inizi, con complessità legate al dosaggio, alla ventilazione e alla quantità e qualità di odori che si possono generare, ma come minimo una promessa per cinema e videogame.


la storia degli odori nel cinema: t'oo ricordi l’Odorama?

in passato si è già provato a portare gli odori al cinema, con Smell-O-Vision negli anni 60 e con l'Odorama di John Waters negli 80. lo racconta Wired.


il Plaza di NYC ha riaperto

l'hotel più iconico di New York City, affacciato sul Central Park, set di film come Appartamento al Plaza, ha riaperto. ne parla qui Lonely Planet

(io, essendo più California-oriented, se non altro per questioni di clima, preferirei un soggiorno al Chateau Marmont).


Flow di Magnum Photos

è il magazine/progetto collettivo della nota agenzia fotografica, impaginato in un flusso verticale infinito, ed è superfluo dirti quello che ci trovi dentro: belle foto (di animali, per ora).


i migliori nuovi podcast del 2021, finora

secondo Time. ovviamente in inglese.


The Next 500 Years: Engineering Life to Reach New Worlds

secondo Chris Mason, genetista di Weill Cornell Medicine, dobbiamo sbrigarci a colonizzare altri pianeti perché tra 5 miliardi di anni il sole renderà la Terra invivibile.


il prodottino della settimana: le scarpe barefoot

"scarpe a piedi nudi" pare un ossimoro quindi spieghiamolo: nel running c'è una tendenza (minoritaria, e spesso ridicolizzata) che dice che meno interfaccia c'è tra il piede e il terreno, più naturale è la corsa. d'altra parte l'umano non nasce con le scarpe, i maratoneti etiopi, eccetera. 

la maggior parte dei runner (e credo degli ortopedici) si indigna: non siamo più nel Pleistocene, e la scarpa, ammortizzando, evita traumi e lesioni ossee e muscolari. 

chiaro che sarebbe ridicolo se io avessi un'opinione medica su sta cosa, però ho fatto del barefoot running con le Five Fingers (comodissime anche per camminare, ma socialmente poco accettabili) e la mia esperienza è che se impari a correre nel modo giusto (scaricando il peso sui metatarsi e non sui talloni) il barefoot running può dare grandi soddisfazioni, FACENDOLO GRADUALMENTE e stando attenti a eventuali segnali delle proprie gambe (come per tutta la corsa, d'altra parte).

e insomma niente, a me le Five Fingers piacciono e ci corro, ma siccome sono carucce (non in assoluto per delle scarpe da corsa, ma nello specifico per quello che sono), allora ho provato per curiosità anche delle imitazioni, che danno soddisfazioni nello stare in casa e nel camminare normale. comode anche in spiaggia, in acqua, sugli scogli.

le trovi a 35€ sull'Amazon, ma occhio che hanno uno sgradevole odore di plasticazza e non hanno i diti separati, ma un'ottima soletta e sono comode, anche senza calzini. trovo che possano essere una gateway shoe per il vero barefoot delle Five Fingers, che costano il triplo (e sono anche meno ammortizzate). scòrdati l’acciottolato e in genere quello che non è asfalto o sabbia.


se vai in bici, Beeline2 su Kickstarter potrebbe valere i tuoi soldi

io non ho mai contribuito a una campagna su Kickstarter, ma il 2 giugno ho intenzione di cercare di aggiudicarmi l’offerta super early bird (57€) per Beeline 2, un mini navigatore per bicicletta che mi pare promettente. navigazione turn by turn in un’interfaccia minimale e un device molto piccolo. la campagna apparirà su Kickstarter il 2 giugno alle 15 BST (16 da noi, se non sbaglio).


qual è il mostro horror più spaventoso della storia del cinema?

e perché.


vabbeh non l'avevo mai messa. prima o poi mi toccava


ancora una volta: le Polpette non hanno affiliazioni con Amazon né altri e-commerce, e non incassano un dollaro bucato dai prodotti e servizi che consigliano. esse inoltre non hanno tempo né interesse di tenere conto di considerazioni etico-politiche sul comportamento dei vendor, trattandosi di giudizi (complessi e stratificati, come il sistema economico in cui viviamo) che si fanno sul piano personale. siamo tutti adulti - e adesso ormai pure vaccinati.


la scrittura di questa newsletter avviene abitualmente in modalità carbon-free, con il 100% di energia rinnovabile e socialmente sostenibile fornita da ènostra.

ènostra ha fatto una partnership con Patagonia, una delle aziende mass market più etiche del mondo: